Vai al contenuto

Anàstasi. Turbamenti, immersioni, attese, rinascite

Tempo di lettura: 4 Minuti

Anàstasi. Turbamenti, immersioni, attese, rinascite è una mostra ospitata fino al 22 maggio dalla Galleria Giovanni Bonelli – Spazio Nazario Sauro 56 a Pietrasanta (LU) che vede protagoniste quattro artiste individuate dalla Giuria del premio Arteam Cup 2022. Si tratta di Armida Gandini, Silvia Inselvini, Camilla Marinoni, Miriam Montani.

ARMIDA GANDINI, Pagine Bagnate, 2021, composizione, collage su pagina di libro, cm 24×17 cad.

L’esposizione, a cura di Marina Dacci, Matteo Galbiati, Leonardo Regano, Livia Savorelli, Nadia Stefanel e Raffaele Quattrone, si configura come un progetto sviluppato a partire da un’interpretazione aconfessionale del termine Anàstasi, inteso come individuale resurrezione umana. Un progetto nel quale si intrecciano le esperienze delle artiste, il cui lavoro – nel rispetto delle personali scelte poetiche, espressive e tecniche – si manifesta in una ricerca dichiarata di un attraversamento di opposti, che può condurre a una rinascita e ad un superamento della condizione iniziale.

ARMIDA GANDINI, Stati di transizione, 2019, libro con pagina incisa e piegata, cm 28×43

SILVIA INSELVINI, Notturni, 2021, penna a sfera su carta, cm 180×255

Le rispettive risonanze attestano proprio il potere di un dialogo che diventa voce corale, così come è il testo che introduce la mostra – corale e condiviso –  frutto di una comunanza di intenti umana e professionale di straordinaria intensità, come quella che si è consolidata all’interno della Giuria di Arteam Cup 2020.

CAMILLA MARINONI, Voce del corpo. Fame d’amore, 2021, ceramica, ingobbi e smalti, misure variabili da cm 12x7x8 a cm 24x14x12

«Nella ricerca delle artiste – spiegano i curatori – Anàstasi riunisce questo concetto di rivelazione e di superamento di ogni limite verso una poetica dell’Io, che è profonda e nutrita nello scambio con l’altro. La delicatezza silente delle loro opere sfida lo sguardo per accompagnarci verso una possibile via d’uscita, una nuova salvezza. Ci dicono come la fragilità del nostro limite faccia parte della nostra esperienza di vita, di quanto quella “discesa” nei nostri personali e collettivi inferi sia necessaria alla successiva “risalita” ad una nuova forma di umanità».

CAMILLA MARINONI, Voce del corpo. Fame d’amore, 2021, ceramica, ingobbi e smalti, misure variabili da cm 12x7x8 a cm 24x14x12

Un dialogo a quattro voci – basato su concetti quali memoria, traccia, reiterazione, relazione, ferita – sviluppato in quattro stadi/passaggi, comuni alle rispettive ricerche, che consentono allo spettatore di immergersi nelle specificità del lavoro di ciascuna delle artiste premiate: Turbamenti, Immersioni, Attese, Rinascite. Il moto circolare – nel suo sviluppo concettuale, formale e narrativo – è l’elemento che accomuna e crea assonanze tra le opere delle stesse. Il sentimento di perdersi sembra ineludibile per raggiungere quel ritrovarsi e costruirsi perpetuo e senza soluzione di continuità.

MIRIAM MONTANI, Habitat, Proliferazioni, 2022, 17 dischetti Ø 8 cm – Polveri sottili di Milano su carta pesta e imprimitura classica per la pittura. Spolvero a doppia battitura.

Nelle opere di Camilla Marinoni il movimento si fa centripeto e precipita nel corpo del dolore e del ricordo, in quelle di Silvia Inselvini, invece, si stempera e si dilata sulla superficie dell’opera fino a oscurarla completamente: il colore diventa rottura di confini e, al contempo, abisso. Accettare l’impossibilità di fermare la materia nella sua definizione formale appartiene a Miriam Montani: i suoi lavori sembrano fragili mandala in cui l’artista trasforma un residuo, uno scarto in generazione armonica. Fare parte e al contempo staccarsi e guardare “da fuori” in Armida Gandini sono elementi intrecciati indissolubilmente nel rapporto con la storia collettiva e individuale. Il vuoto e il pieno sono la carne e l’ombra dell’opera e si rincorrono in narrazioni complementari. Alla fine il ciclo si richiude verso un disegno più ampio e completo che comprende la visione del dopo, dell’alzarsi di nuovo, dell’anàstasi.

MIRIAM MONTANI, Habitat, Proliferazioni, 2022, 17 dischetti Ø 8 cm – Polveri sottili di Milano su carta pesta e imprimitura classica per la pittura. Spolvero a doppia battitura.

Immagine di copertina: Silvia Inselvini, Notturni, 2021, versione rilegata, libro numero 11, penna a sfera su carta, cm 21x16x1,5