Vai al contenuto

Juanjo Guarnido. La star spagnola del fumetto contemporaneo in mostra al PAFF! con “Blacksad. I colori del noir”.

Tempo di lettura: 7 Minuti

Juanjo Guarnido è una star del fumetto contemporaneo, un artista che ha attraversato rapidamente i confini internazionali. Nato a Granada nel 1967, si appassiona al disegno sin da piccolo divorando avidamente la sezione fumetti della biblioteca municipale di Salobreña. A vent’anni si specializza in pittura a Madrid e in Francia, approdando poi con successo negli Stati Uniti. L’apice della notorietà giunge con la pubblicazione di Blacksad, i cui episodi, ricchi di riferimenti culturali, si distinguono per la vivacità e l’originalità degli script e dei disegni che trasmettono perfettamente la varietà espressiva, i gesti e il linguaggio del corpo dei personaggi.

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Da qualche parte tra le ombre, bozzetto a matita ©Gino Nardo

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Da qualche parte tra le ombre, ozzetto a matita ©Gino Nardo

Juanio Guarnido è approdato in Italia lo scorso 6 aprile dove, a Pordenone, espone al PAFF! – Palazzo Arti Fumetto Friuli, fino al prossimo 18 settembre.  L’evento è realizzato in collaborazione con 9eme Art Références di Parigi, il cui sodalizio continua dopo i successi della mostra di Milton Caniff e i Maestri Marvel & DC.

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Minute Waltz, Blacksad balcony, April in Paris ©Gino Nardo

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Exhibit personaggi ©Gino_Nardo

Anche in questo evento l’iconografia è affiancata dai testi di Juan Díaz Canales, il cui connubio artistico con Guarnido si protrae da tre decenni. Canales e Guarnido conducono abilmente i lettori in viaggio lungo il continente americano: dai bassifondi di una grande metropoli, riflesso della New York del dopoguerra, alle desolate cittadine di campagna, che ricordano gli stati del Sud durante la segregazione razziale, passando dagli eccessi di una New Orleans viziata dalla droga, alle immense distese verdi del West. La celebre serie non ha bisogno di presentazioni. Con ben sei volumi all’attivo, tirature di lusso, artbook, progetti radiofonici e un adattamento in forma di videogioco, Blacksad festeggia quest’anno i suoi 22 anni. Siamo davanti ad un vero e proprio noir d’epoca, un giallo dai toni drammatici e misteriosi, la cui peculiarità si contraddistingue per l’uso di animali antropomorfi fortemente caratterizzati.

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Sezione Da qualche parte tra le ombre ©Gino_Nardo

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Sala espositiva sez. Anima rossa ©Gino Nardo

Il mondo di John Blacksad, detective senza mezze misure – un po’ Chandler (col suo Philip Marlowe) e un po’ Spillane (con il suo “Martello” Mike Hammer) – è l’America degli anni ’50, spesso riconoscibile negli sfondi realistici delle grandi città che Guarnido colora con vivida originalità e fedeltà iconografica, su cui si innestano le silhouettes dei protagonisti. Col suo pelo nero e la macchia bianca sul muso, dovrà sciogliere gli enigmi, accompagnato dalla donnola/aiutante Weekly (giornalista) e l’incorruttibile Smirnov (ufficiale di polizia). Nonostante la sua corporatura imponente e l’aria imbronciata, il nostro protagonista, dimostra essere un tenero personaggio dal cuore d’oro, in cui vivono valori di condivisione e generosità. Incapace di rimanere impassibile dinanzi alla sofferenza altrui, si batte sempre per ottenere giustizia.

PAFF! GuarnidoBLACKSAD – Dettaglio pagina 34 vol 1 ©Gino_Nardo

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Dettaglio pag. 13 vol 3 ©Gino Nardo

La vera sorpresa della serie risiede però nello stile estetico con cui si accompagna il racconto in prima persona del suo protagonista (altro topos del noir): fotografia, musica, film, pittura ispirano l’autore nella realizzazione di una leggerezza cupa che è tipica della sua anima latina, condita con una sottile ironia sull’America degli anni ’50 che risente della Série Noire e del mood francese rispetto ai cliché del giallo.

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Sezione Da qualche parte tra le ombre ©Gino Nardo

PAFF! Guarnido BLACKSAD pag 1 vol 4 ©GinoNardo

Si denotano quindi i nuovi colori del noir: la narrazione è accompagnata da un alternarsi di toni drammatici ed ironici, con la peculiarità dei personaggi antropomorfi fortemente caratterizzati. Ambientati nella società americana della metà del XX secolo, Guarnido indaga ed esplora anche temi profondi, quali la segregazione razziale e la caccia alle streghe durante gli anni della guerra fredda. A volte fa quasi il “verso” ai suoi personaggi facendo uso dell’ironia e della parodia.

PAFF! Guarnido BLACKSAD – April in Paris (2018) ©Gino Nardo

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Illustrazione Paris in april (2018) ©Gino Nardo

Il tema principale degli albi è preannunciato dal colore della copertina. Nero, bianco, rosso, blu e giallo: queste le tinte selezionate da Guarnido per caratterizzare la narrazione. La figura dell’artista maledetto, reale o di fantasia, è anch’essa un leitmotiv. Quindi, in Anima rossa, il lettore incontra il poeta Abraham Greenberg e il pittore Sergei Litvak, strizzando l’occhio a Mark Rothko. In L’inferno, il silenzio, ci sono i musicisti Junior Harper e Sebastian Fletcher, e in Amarillo, i grandi rappresentanti della Beat Generation. Tra tradizione polar e volontà di realismo, la trama dei sei volumi di Blacksad, dunque, accompagna il lettore verso un’esperienza di lettura profonda e multi analitica.

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Sala espositiva ©Gino Nardo

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Studio tavola 43 vol 6 ©Gino Nardo

Animatore, fumettista ed illustratore, Guarnido eccelle nei suoi disegni ad acquerello e nella creazione di ambienti misteriosi e affascinanti. È un autore eclettico che col pennello fa miracoli sia quando rappresenta l’oscurità dei vicoli bui sia  sotto la luce splendente di New Orleans. Giulio De Vita,  Direttore artistico del PAFF!, così descrive la creatività dell’artista spagnolo: «Le sue storie ammaliano per potenza visiva, efficacia narrativa e incisività espressiva. Ogni sua inquadratura coniuga queste tre componenti con naturalezza».

Juanjo Guarnido

L’atteso ritorno del noto felino dal trench cammello e dal pelo ebano dimostra anche come l’autore non tema l’esposizione al pudico pubblico oltreoceano, realizzando un’opera nuova ed originale, la quale, attraverso la peculiarità del funny animal, fa la differenza nell’ambito dell’animazione, concentrandosi anche su aspetti più torbidi di violenza ed erotismo. Inoltre, per la prima volta la storia viene divisa in due parti, con l’epilogo previsto in uscita per la seconda metà del 2023. Il successo della serie è tale da venir tradotta dall’originale francese e spagnolo in più di venti lingue, sino a vedersi pubblicato in Asia in cinese e giapponese.

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Ricerca colori per la tav 23, Le Indie perigliose ©Gino Nardo

In mostra al PAFF!  non solo Blacksad: l’esposizione friulana va oltre il noto gatto antropomorfo e presenta una straordinaria anteprima. Dopo i successi di Streghette (Dargaud), dell’album Nelle Indie perigliose, e dello speciale What’s News (Rizzoli), diffuso da Europe Comics in occasione del ventennale di Blacksad, l’autore torna in Italia con una vera e propria chicca. L’anteprima internazionale di alcune fanzine appartenenti a E poi non resta niente, 130 tavole inedite e le illustrazioni originali che renderanno la mostra la più grande mai tenuta in Italia. Il grande valore degli originali è un ulteriore motivo di orgoglio per l’artista: le opere sono assicurate per decine di migliaia di euro, sino a giungere ai 100.000. Dalle prime composizioni alle tavole finali, la mostra permette di scoprire l’universo affascinante di un grande autore contemporaneo.

PAFF! Guarnido BLACKSAD – Pag 26 vol 4 ©Gino Nardo

Reel dedicato