Vai al contenuto

Giotto Dainelli e la spedizione nel Karakorum del 1930

Le splendide immagini che vi proponiamo sono custodite e provengono dallo straordinario archivio fotografico della Società Geografica Italiana. Siamo nel 1930 e seguiremo la spedizione condotta e organizzata dal famoso naturalista Giotto Dainelli nel Karakorum, sub catena montuosa situata a nord-ovest della catena dell’Himalaya, una tra le zone del mondo più ricoperte da ghiacciai.

Sundo: Giotto Dainelli, l’alpinista Elly Kalau von Hofe, Enrico Alfonso Cecioni e Alessandro Latini (IGM) e Coolies (lavoratori dell’Estremo oriente) di Tià

Giotto Dainelli Dolfi nacque a Firenze nel 1878 e si laureò nel 1900 in Scienze naturali all’Istituto di studi superiore di Firenze; iniziò a viaggiare giovanissimo con la macchina fotografica sempre al seguito per documentare le proprie ricerche sul campo. Compì numerose spedizioni esplorative in Africa Orientale e in Asia, nel 1901 fu in Marocco, nel 1905 in Eritrea e nel 1929 mise a punto un programma scientifico che si poneva come oggetto di studio principale il ghiacciaio Siachen nel Karakorum orientale, già in parte esplorato dalla spedizione De Filippi del 1913-14 alla quale lo stesso Dainelli aveva preso parte.

Siàcen: Carovana fra Campo 1° e 2°, 26 luglio 1930

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Copia Singola

Acquista una copia di «Globus».

Annuale Digitale

Abbonamento digitale di «Globus».

Cartaceo + Digitale

Abbonamento annuale di «Globus».

Sei già abbonato? ACCEDI

di Davide Chierichetti e Susanna Di Gioia – Società Geografica Italiana