Bali, sospesa tra cielo e terra

risaie di bali
Tempo di lettura: 6 Minuti

Bali, anima indonesiana

Bali è un luogo speciale non solo per le sue spiagge, che sono bellissime e prese d’assalto ogni anno da milioni di visitatori da tutto il mondo. Il vero fascino di Bali risiede nei suoi riti, nella sua cultura tradizionale che permea ogni aspetto della vita quotidiana dei suoi abitanti. L’isola è un’enclave induista nell’enorme arcipelago musulmano dell’Indonesia. Per un occidentale i riti religiosi e quotidiani possono sembrare, al primo impatto, superstizioni ancestrali; tuttavia è necessario accostarsi con mente aperta: a Bali il naturale e il soprannaturale, gli uomini e gli spiriti vivono insieme uniti e inscindibili. Le risaie di Bali, patrimonio Unesco, la lavorazione del sale marino, le abitazioni tradizionali e i villaggi seguono antichi rituali induisti. Sebbene la globalizzazione non abbia risparmiato l’isola, è ancora possibile entrare in contatto con le antiche tradizioni.

Pura Taman Ayun

Pura Taman Ayun

Le risaie di Bali

Il riso è il protagonista principe della società balinese. Ogni famiglia coltiva lo stretto necessario per la sopravvivenza, ossia il fabbisogno personale, le offerte nei templi e una parte da vendere al mercato per il sostentamento. Le risaie a terrazze sono tra le più scenografiche al mondo: il verde intenso del riso si staglia su un paesaggio collinare di straordinaria bellezza. La coltivazione è comunitaria, così come il lavoro di creazione dei canali, delle condutture in bambù e delle dighe; questo complesso lavoro di architettura agricola per la gestione democratica dellacqua, al fine che tutti ne possano usufruire, è il subak. La storia del subak è antica e risale al IX secolo. Oggi a Bali ce ne sono circa 1200; ogni agricoltore ne fa parte. Il subak è l’elemento portante dei banjar, i quartieri di ogni singolo villaggio. Molti templi con laghetti e cisterne d’acqua fanno parte del meccanismo di irrigazione, ad esempio, il Pura Taman Ayun. Questo, ancora una volta, dimostra la stretta correlazione tra la vita quotidiana e la spiritualità, che sull’isola degli dei sono un tutt’uno. Questo sistema democratico e unico al mondo di gestione delle acque nel 2012 è stato inserito dall’Unesco tra i patrimoni dell’Umanità.

Bali risaie

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Copia Singola

Acquista una copia di «Globus».

Annuale Digitale

Abbonamento digitale di «Globus».

Cartaceo + Digitale

Abbonamento annuale di «Globus».

Sei già abbonato? ACCEDI

testo e fotografie di Paola Vignati –  paolavignati.com