Vinicunca, i colori del Perù

Tempo di lettura: 7 Minuti

Tra i paesi più interessanti del Sudamerica spicca sicuramente il Perù, una fascia di territorio con estensione pari a quattro volte l’Italia, schiacciato tra la foresta amazzonica e l’oceano Pacifico con le Ande a farne da spina dorsale. Cuzco, antica capitale dell’impero incaico, il Tahuantinsuyo, e culla della civiltà andina che prosperò in questo impervio territorio fino all’arrivo dei conquistadores spagnoli, è tra le città architettonicamente più interessanti del paese e dell’intero continente americano. Abbarbicata a poco oltre tremila metri di quota lascia subito con il fiato corto, per l’aria rarefatta che si incontra appena ci si inizia a muovere tra le sue strade acciottolate e per gli sgargianti colori che esibisce soprattutto durante il mese di giugno, ricco di ricorrenze culturali e religiose tra le quali spicca la Festa del Sole, l’Inti Raymi.

Ascensione di buona mattina verso il passo del Valle Rojo

Ascensione di buona mattina verso il passo del Valle Rojo

Nell’emisfero australe il solstizio d’inverno, il giorno più corto dell’anno, arriva il 21 giugno (anche se tutti gli anni l’Inti Raymi  a Cuzco si festeggia il 24 dello stesso mese); un giorno simbolico per gli Inca e tutte le altre culture pre-colombiane del Sudamerica che veneravano il Sole come un divinità e ne celebravano il punto di massima lontananza dalla Terra ed il ritorno all’allungarsi delle giornate. Durante l’Inti Raymi, Cuzco è un’esplosione di colori, danze e musiche che infiammano gli animi della gente locale e dei peruviani che arrivano in massa dalle altre regioni del paese, e che ovviamente regalano momenti emozionanti anche ai visitatori stranieri che percepiscono l’allegria ed il senso di orgoglio collettivo della popolazione. Le celebrazioni hanno inizio alle prime luci dell’alba nei pressi del più antico e importante tempio della città: il Qoricancha. Smantellato e convertito dagli spagnoli in un convento, rimangono ancora oggi visibili le ciclopiche mura parzialmente fuse con l’architettura cristiana della torre campanaria della chiesa dedicata a San Domenico.

L'ingresso dell'Inca nella piazza di Cuzco è un'esplosione di colori

L’ingresso dell’Inca nella piazza di Cuzco è un’esplosione di colori

Questo contenuto è riservato agli abbonati

Copia Singola

Acquista una copia di «Globus».

Annuale Digitale

Abbonamento digitale di «Globus».

Cartaceo + Digitale

Abbonamento annuale di «Globus».

Sei già abbonato? ACCEDI

Il sentiero che collega il Valle Rojo a Vinicunca con le caratterostiche striature di arenaria multicolore

testo e fotografie di Marco Rosso – guida escursionistica