L’Ospedale più antico d’Europa è un vero polo culturale… nel cuore di Roma

La Biblioteca Lancisiana
Tempo di lettura: 3 Minuti

L’Ospedale Santo Spirito in Sassia è il più antico ospedale d’Europa. Nasce nel 727 come edificio destinato all’alloggio, assistenza e cura dei pellegrini che giungevano a Roma per visitare la tomba di Pietro. Nel 1198 ad opera di Papa Innocenzo III è stato riedificato e adibito ad ospedale.

Una struttura ospedaliera che ha al suo interno infinita bellezza e risorse culturali, museali e accademiche: la Biblioteca Lancisiana, il Museo Storico Nazionale dell’Arte Sanitaria e l’Accademia Lancisiana.

Ospedale Santo Spirito in Sassia

Ospedale Santo Spirito in Sassia – Foto di Sergio D’Afflitto

Dal Salone del Commendatore, oltre che direttamente dal loggiato superiore, si accede alla Biblioteca Lancisiana, fondata nel 1711 da Giovanni Maria Lancisi, archiatra e medico di Papa Innocenzo XI e insigne studioso, che fece della biblioteca l’anima del suo disegno di promozione della cultura scientifica. Inaugurata nel 1714 alla presenza del Pontefice Clemente XI, si compone si due ampie sale: la prima costituita da un atrio e un vestibolo; la seconda, nucleo originario della libreria, dotata di 16 scansie lignee. Fra le raccolte di volumi qui conservate, è importante ricordare la collezione del Lancisi, una raccolta di testi donati al Re di Francia Luigi XIV, dal Granduca di Toscana Cosimo III e dal principe Fürstenberg. La biblioteca conserva, inoltre, 373 preziosi manoscritti di epoche diverse che vanno dal XIV al XX secolo, tra cui 2 codici pergamenacei degli scritti di Avicenna, in latino, e il più conosciuto Liber Fraternitatis Sancti Spiritus. Dietro una delle pareti della libreria una finestrella, aprendosi all’altezza degli affreschi della Corsi Sistina, consentiva ai vari Commendatori che si sono succeduti nella gestione dell’Istituto, il controllo dell’operato del personale addetto all’assistenza degli ammalati. (rif. wiki).

 

Il Museo Storico dell’Arte Sanitaria, inaugurato nel 1933 ospitato all’interno del complesso ospedaliero di Santo Spirito in Sassia, costituisce una delle più importanti documentazioni di carattere storico e scientifico sull’arte della medicina. L’ospedale infatti, fondato da Papa Innocenzo III nel 1198, aveva tra i suoi compiti anche quello dell’insegnamento della medicina, ed era perciò dotato di una ricca Biblioteca, del Teatro anatomico e della Speziera.

Il Museo si articola in una serie di ambienti legati ai nuclei delle collezioni: la Sala Alessandrina (con le tavole anatomiche del ‘700); la Sala Flaiani (con preparazioni anatomo-patologiche della fine del XVIII sec. e modelli in cera); la Sala Capparoni (con ex voto romano-etruschi, farmacie portatili, vasellame di farmacia del XVI-XVII sec.); la Sala Carbonelli (con strumenti chirurgici romani per uso oculistico e ostetrico e una raccolta di microscopi d’epoca).
Ricostruiti in scala naturale anche due suggestivi ambienti: un’antica Farmacia e un Laboratorio alchimistico.

Museo Storico dell'Arte Sanitaria

Museo Storico dell’Arte Sanitaria

L’Accademia Lancisiana è nata il 25 aprile 1715 a Roma per iniziativa del medico fisiologo Giovanni Maria Lancisi con lo scopo di incentivare la pratica, la discussione e la condivisione della conoscenza della medicina e della chirurgia. Lancisi donò all’accademia la sua ricca collezione di trattati medici, che costituì il nucleo della Biblioteca Lancisiana di Roma.

Ancora oggi, l’accademia continua la sua missione scientifica e culturale attraverso la regolare organizzazione di convegni scientifici e altre attività. Essa pubblica con cadenza semestrale gli Atti dell’Accademia Lancisiana.


Il complesso dell’Ospedale Santo Spirito in Sassia si trova a Roma Lungotevere in Sassia n.3