Vai al contenuto

Cinquant’anni di Graphic Design a Padova. I progetti dello Studio Eberle

Alla Galleria Civica Cavour di Padova è stata inaugurata giovedì 10 novembre la mostra: “Cinquant’anni di graphic design a Padova. I progetti dello Studio Eberle”, curata da Peter Paul Eberle, e visitabile fino all’11 dicembre 2022. Un connubio, quello fra Peter Paul Eberle e Padova durato ben cinque decadi, un lasso di tempo abbastanza raro in Italia per una collaborazione di questo tipo, che ha consentito al grafico di dare una precisa impronta alla comunicazione, e all’immagine, di una città che stava vivendo uno dei suoi momenti di maggiore sviluppo.

Bags per il Consorzio Giotto, Padova

Eberle giunse a Padova nel 1970. Aveva alle spalle una formazione svizzera, in un’epoca in cui l’epicentro della grafica italiana era Milano. A chiamarlo alcune agenzie di comunicazione che, da Padova, operavano per fondamentali marchi nazionali. Poi l’avvicinamento alla Pubblica Amministrazione e qui la grafica di Eberle non è più quella dei soli marchi di prodotto ma il suo lavoro si allarga alle più diverse necessità – lui direbbe “opportunità” – della comunicazione: collabora con lo Studio Albini Piva Helg per la grafica del nuovo Museo agli Eremitani, si specializza nella grafica allestitiva museale e firma gli allestimenti di decine di storiche esposizioni, nonché quella, inconfondibile, dei cataloghi e di altre pubblicazioni. Diventa in breve “il” riferimento per la grafica pubblicitaria e gli allestimenti museali e di grandi esposizioni.

Creazione del logo per Urologia Policlinico Padova

La sua inconfondibile “firma” è presto richiesta anche all’estero, a Bruxelles, Vienna, Parigi, spesso al fianco di architetti di livello. Poi la decisione di ritirarsi per potersi dedicare ad una passione da tempo coltivata: ricostruire e documentare la tradizione della sua famiglia per la scultura lignea a soggetto sacro. Suo nonno e suo bisnonno, nei loro laboratori gardenesi, hanno realizzato altari, statue, altorilievi lignei che oggi si ammirano in decine di cattedrali e grandi chiese americane ed europee, compreso l’altare donato dall’Imperatore d’Austria Ungheria alla Basilica di Sant’Antonio a Padova. E per poter coltivare l’hobby del disegno a mano libera, tradotto nelle immagini di personalissimi cahiers du voyage, lo stesso piacere per il disegno che lo ha portato, nel 2013, a illustrare un’ originale storia di Dracula, destinata ai bambini.

Manifesto 14° Biennale del Bronzetto, Padova, 1986

Fondamentale nella formazione di Eberle – annota Virginia Baradel – fu la Kunstgewerbeschule di Zurigo, fondata da Itten, una scuola dove convivevano “in fertile tensione intellettuale e costruttiva, visione olistica e rigore razionalista”. Si iscrisse nel 1964, unico italiano ammesso in quell’anno nell’ambito di una politica di ingressi molto severa anche per via della lingua, lo svizzero-tedesco. “Peter entrò in quella scuola dove la severità, sulla scia del fondatore, possedeva un’eccezione di purezza. L’intransigenza riguardava la concentrazione sulla natura del segno che puntava all’essenzialità, alla spoliazione della forma per potenziare la comunicazione. La combinazione di insegnamenti derivati dal Bauhaus e dalla libertà creativa, esigeva un grado di partenza liberato da ogni sovrastruttura e da bagagli cognitivi pregressi”.

Manifesto per la mostra Dal Cielo all’Universo, 2004

La grafica svizzera era all’avanguardia ed è tuttora un esempio di estetica che punta all’essenzialità del segno senza privarlo di valori espressivi e simbolici. Nel caso di Eberle che in seguito, su queste basi, svilupperà una sua personalissima cifra, “la riduzione radicale del segno viene elaborata con l’uso del colore e di minime, ricorrenti, variazioni di andamento, tali da evitare il rischio di scivolare nell’asettico e di mantenere la rotta della funzionalità, dell’efficacia comunicativa”.

Manifesto per mostra Dondi dell’Orologio, 1989
Vorkurs lineen, 1963

Immagine di copertina: Logo per il Centro Culturale Altinate, Padova, 2007

Fabio Lagonia

Fabio Lagonia

Direttore di Globus - rivista culturale www.globusrivista.itView Author posts