Il design salentino di Sandra Faggiano

Il design salentino di Sandra Faggiano
Tempo di lettura: 4 Minuti

Nuove utopie contemporanee

Un dialogo stretto col territorio e sguardo puntato al futuro, in un progetto di design autoprodotto. Il Salento, secondo l’architetto Sandra Faggiano, è un “posto” carico di fascinazione, Dante direbbe, “dove ci piove dentro” (emblematica definizione de “l’alta fantasia”, del Sommo Poeta). Un “posto” pieno di spunti culturali che incessantemente motivano la ricerca e la sperimentazione di designer emergenti che qui, tra i fasti del barocco leccese e non solo, cultura popolare arcaica, folklore e spunti pop, scelgono di vivere raccontando nuove utopie contemporanee.

Il design salerno di Sandra Faggiano

Alice – Sandra Faggiano

Itinerari di stupore nel Salento

Il quotidiano diventa straordinario, a partire proprio dagli oggetti di uso comune che sono sempre più unici pur nella loro funzionalità. Un modo concreto e materiale per alimentare stupore e meraviglia, qualità morale da alimentare oggi più che mai in questi tempi bui. Per farlo, l’architetto Sandra Faggiano allestisce set fotografici che sono racconti visionari, vere finestre sulla meraviglia di “questo” nuovo Salento; itinerari di stupore lungo un sud opulento e caloroso, carico di significati materici e immateriali. Cibi e prodotti della terra messi a tavola con eleganza e rigore in un elegiaco poema visionario.

Simplicity – Sandra Faggiano

ABBONATI per accedere ai contenuti completi del sito Globus!

Caterina Misuraca

Design e utopie

Merletti – Sandra Faggiano